SOSTENIBILITÀ

UN MATERIALE NATURALE  

SOSTENIBILITÀ

 

La pelliccia è naturale, bella e durevole: se trattata con cura resterà in condizioni ottimali per molti e molti anni. A differenza di altri materiali del settore tessile, i capi in pelliccia possono essere tagliati nuovamente e trasformati  seguendo l’evoluzione della moda. La pelliccia è uno dei pochi capi di abbigliamento che vengono tramandati e spesso utilizzati da due o persino tre generazioni.

 

La pelliccia sintetica invece è generalmente costituita da derivati del petrolio, una risorsa non rinnovabile. La produzione, il trasporto e lo smaltimento delle sostanze petrolchimiche può causare importanti problemi ambientali. Come altre materie plastiche, questi materiali non si decompongono facilmente e restano nelle discariche per secoli.

 

2/3 di tutti gli animali europei allevati per la loro pelliccia sono utilizzati al 100%

  

 

La preparazione, la concia e la tintura delle pelli sono procedure non aggressive che devono preservare la qualità del pelo e la robustezza della pelle.

I principali agenti chimici utilizzati sono prodotti relativamente comuni quali: sale da cucina, acqua, sali di alluminio, soda, segatura, amido di mais, lanolina e altre sostanze naturali. I controlli per la tutela dell’ambiente garantiscono che non ci siano effluenti nocivi.

Il commercio delle pellicce mira all’utilizzo completo dell’animale. In Europa ad esempio questo riguarda quasi il 70% della produzione di pellicce, con l’obiettivo di arrivare al 100%.  

 

 

Per maggiori informazioni circa la sostenibilità di questo settore, cliccate qui:  

 

Fur Europe 

We are Fur

Truth About Fur

  

Impatto ambientale della pelliccia naturale e della pelliccia artificiale